“Where’s the Revolution” – parole preziose invadono il tempo

Oggi è una giornata diversa…..
Rispondo al telefono. Un’unica frase dall’altro capo del filo “Oggi è uscito il singolo”.
“Ok, ci siamo!”
ringrazio (se ricordo bene…) e metto giù. Il cuore inizia ad andare all’impazzata.
Mi butto sul pc, digito il loro nome, e scompaio, inghiottita dall’ascolto musicale che sto aspettando da mesi. Da anni. Quasi quattro.

Sapevo che l’ultimo album dei Depeche Mode mi avrebbe scosso, come tutte le volte che è uscito un loro nuovo disco. Ma questa volta, è particolarmente forte ed intenso il sapore di adrenalina che mi ha toccato. Il messaggio arriva forte e chiaro.
“Ci sono!” mi ripeto ad alta voce nella testa. Telepaticamente, mi unisco a Martin e Dave. E sorrido. Soddisfatta di non essere sola. Ma con loro. Ancora una volta.

Il 03 febbraio il singolo “Where’s the Revolution”, ha invaso il Pianeta Terra. Preludio di un album, dal titolo “Spririt”, in uscita a marzo 2017.
“Where’s the Revolution” lo sto ascoltando da ore, senza fatica, con sempre più grinta. Ogni volta che riparte, il mio cuore ed il mio spirito si ricaricano energeticamente.

Perché ai Depeche Mode non ci si abitua mai. Ogni ascolto è diverso. Così come i giorni di una settimana, i minuti che scorrono, i passi che fai ogni giorno. Sempre differenti. Sempre nuovi. Sempre unici.

“Spirit” è un disco che Dave Gahan, il front-man dei Depeche, ha definito “un disco sull’umanità, per l’umanità. Perché parlare di politica in associazione alla musica, non mi piace. Preferisco definirlo un disco che fotografa il nostro posto all’interno dell’umanità… Stavolta ci siamo guardati intorno, sì: e il titolo Spirit è un modo di chiederci dov’è lo spirito, l’anima, dove siamo finiti tutti. Abbiamo come la sensazione che qualcuno ci voglia tenere divisi, separati, e la musica è invece qualcosa che unisce le persone”.


Come ama dire Martin Gore, (per me il Genio Assoluto nel Pianeta Musica – n.d.r.)
“Per molti fan i Depeche Mode non sono una band, ma uno stile di vita”
Ecco perché per me, parlare dei miei Depeche non è facile. Perché è come voler spiegare un mistero a chi ancora non l’ha visto. O non lo vuole vedere.
La Musica è un Mistero così importante, che merita di essere ascoltato, vissuto, non spiegato.

Vi regalo quindi la profondità, la luminosità, l’ispirazione, la passione, il messaggio sincero, contenuto nelle parole di questo testo poetico.

Ci siamo. State connessi, restate in ascolto, di voi stessi e dei Depeche, perché la rivoluzione ha sempre un senso. Anche musicale.

WHERE’S THE REVOLUTION

You’ve been kept down – Ti hanno tenuto giù


You’ve been pushed ‘round – Ti hanno fatto girare/dato spinte


You’ve been lied to – Ti hanno mentito


You’ve been fed truths – Sei stato nutrito di verità


Who’s making your decisions? – Chi sta prendendo le tue decisioni ?


You or your religion – Tu o la tua religione


Your government, your countries – Il tuo governo, i tuoi paesi


You patriotic junkies – Voi patriottici drogati

[Chorus]
Where’s the revolution? – Dov’è la rivoluzione


Come on, people – Forza, gente


You’re letting me down – Mi state deludendo


Where’s the revolution? – Dov’è la rivoluzione


Come on, people – Forza, gente


You’re letting me down – Mi state deludendo

You’ve been pissed on – Ti hanno pisciato addosso


For too long – Per troppo tempo


Your rights abused – I diritti abusati


Your views refused – i punti di vista rifiutati


They manipulate and threaten – Loro manipolano e minacciano


With terror as a weapon – Con il terrore come arma


Scare you till you’re stupefied – Ti spaventano fino a che non sei stupefatto/interdetto

Wear you down until you’re on their side – Ti consumano fino a che non finisci dalla loro parte


The train is coming – Il treno sta arrivando


The train is coming – Il treno sta arrivando


The train is coming – Il treno sta arrivando


The train is coming – Il treno sta arrivando


So get on board – Quindi sali a bordo


Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo

The engine’s humming – Il motore sta ronzando
T

he engine’s humming – Il motore sta ronzando
T

he engine’s humming – Il motore sta ronzando


The engine’s humming – Il motore sta ronzando

So get on board – Quindi sali a bordo


Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo

Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo


Get on board – Sali a bordo

Laura Santangelo è nata a Milano,
dove tuttora vive.
Da sempre
sceglie la Vita, la Scrittura e la Musica
quali strumenti comunicativi
per esprimere,
con passione,
la sua vera essenza.
Si definisce una scrittrice visivo-emozionale.