Sangue artificiale? No, grazie, preferisco il curry.

sangue-artificialFinalmente (così dicono i media), abbiamo creato (abbiamo chi?), il sangue artificiale! Nei vari articoli che si posso leggere su internet, i ricercatori e i giornalisti stessi, trasmettono grande orgoglio per una tale notizia e sono tutti entusiasti di questa nuova grande scoperta scientifica, mah…

Il mio mah, ha radici esoteriche e alquanto pragmatiche. Noi esseri umani siamo dei sempliciotti un po’ superficiali e non ci chiediamo mai dove sia l’inganno, o almeno un qualche effetto collaterale.

Non esiste nulla che non abbia conseguenze, ripercussioni; figuriamoci oggi, dove l’industria farmacologica ha superato gli introiti annuali della coca cola, se non c’è un qualche mero interesse che aumenta la salivazione delle cavallette aliene che tirano le redini della sanità mondiale.

Dai su, iniziamo a svegliarci! Poi se guardiamo bene cosa contiene questo sangue liofilizzato, simile al curry, c’è già un indizio: l’emoglobina contenuta è legata ad una molecola polimerica. Eureka! Abbiamo l’ErithroMer! Quasi quasi preferisco iniettarmi il curry, lo vedo più innocuo e meno alieno

Questo sangue si attiva con l’acqua, comodo, certo, ma il polimero contenuto che cosa farà nel nostro corpo? Si muoverà come sangue vero e proprio, senza esserlo. Io ho pauraaa!!!

Ho paura perché questo supposto sangue, si aggirerà nei meandri dei nostri corpi fisici polimerizzando ogni cosa con la quale verrà in contatto, alterando la struttura di base della corrente sanguigna.

Diventeremo tutti qualcosa di diverso, una sorta di ibridi umano-alieno, ma potremmo avere in ogni momento sangue a disposizione. Vuoi mettere? L’importante della ricerca scientifica è sempre controllare, evitare e inibire la morte. Certo, non sono qui a dire che è meglio morire (io ci farei un pensierino..), piuttosto che farsi iniettare sangue di sintesi; ma se, ipoteticamente (e non uso la parola karma per non traumatizzare nessuno), ognuno di noi avesse un destino? Se per una volta, una sola volta, non intervenissimo a mettere “bocca” sulle leggi della vita?!

Poi ancora queste sperimentazioni su animali: ratti, gatti, cani (il tuo no, puoi dormire tranquillo!)

Il controsenso della scienza che uccide macabramente per tutelare altre vite si chiama incoerenza scientifica con un aggiunta di crudeltà primitiva. No scienza, no…

Per ora, questo sangue è stato sperimentato solo sui ratti e ha avuto, secondo i ricercatori (a me sembrano dati molto incerti), un buon effetto. Peccato che il ratto non è l’essere umano, ma questo è irrilevante per chi si aggira per gli stabulari con il sangue che gli esce dagli angoli della bocca. Basta, evolvetevi vi prego!

Il sangue di sintesi, non essendo sangue, anche sotto un profilo energetico, oltre che biologico, racchiude un segreto che la scienza attuale non potrà mai scoprire perché priva di compassione e sacrificio. Nessuno mai potrà sostituire il dono che fu fatto a questa umanità, come potere di amare e non certo di distruggere. Dobbiamo immettere empatia e tenerezza in circolo e non polimeri di sintesi!

Donatella Donati

Donatella Donati nasce a Imola il 31/05/1974.
Fin dalla giovane età si interessa di libri, musica e tutto ciò che ruota attorno al mondo del naturale.
Si laurea in Tecniche Erboristiche, presso la facoltà di Farmacia dell’Ateneo di Bologna con una tesi sperimentale sulla radioattività naturale e artificiale delle piante officinali. Per diversi anni lavora come erborista, intervallando questo lavoro ad alcuni anni nei quali ricopre il ruolo di informatore medico scientifico per la ditta erboristica Arcangea. Durante questi anni frequenta anche la Facoltà di Lettere e Filosofia, dove intraprende il ramo di studi in Filosofia della Scienza.
Sempre attratta dalla connessione che esiste tra la scienza e le energie sottili, s’iscrive alla scuola per terapeuti esoterici Energheia, dove, attualmente, ne ricopre il ruolo di insegnante presso la sede di Padova. Inoltre, scrive sulla rivista “Il Discepolo” dove cura una sezione di Fitoterapia Energetica. La sua esperienza e l’amore per le piante, l’hanno portata a formulare, insieme a Massimo Rodolfi, la linea fitoterapica Exalux ed è coautrice del libro: “Exalux, erbe di Luce”. Scrive sul portale Yogavitaesalute nella sezione Scienza e Tecnologia.
Ha gestito diversi campi estivi per i bimbi nella città di Imola, dove ha fatto percorsi di yoga alle scuole d’infanzia e corsi di zoo antropologia didattica in diverse classi delle scuole primarie (in collaborazione col Canile di Imola) con il suo amato Bubu.
Insegna meditazione e fa consulenze di fitoterapia energetica presso il centro Amida a Toscanella di Dozza, Bologna.

Tags: