A proposito di rigenerazione: HELICRYSUM ITALICUM – prima parte

Dal greco helios, sole e crysos, oro, l’elicriso è una pianta perenne, mediterranea che adora vivere vicino al mare, magari nelle isole, famoso quello della Sardegna, ma che troviamo anche in collina sui 300- 400 m, su terreni sassosi ma esposti al sole. Usato fin dall’antichità dai Romani e perfino dagli Egizi che ben ne conoscevano le virtù terapeutiche: astringente, antisettico, antistaminico, disintossicante, drenante, espettorante. Ha effetti potenti anche sulla pelle: lenitivo, emolliente, protettivo, antiage. Da un punto di vista erboristico aiuta a rigenerare le cellule della pelle.

Dinamizza e fa circolare l’energia su Stomaco e Milza/Pancreas e di riflesso crea distensione sull’intestino, come se volesse far dimenticare antichi e sordi rancori legati alla sfera affettiva e magari anche a quella materna; ciò si ripercuote a livello energetico e poi fisico, sui Polmoni che possono così rilasciare densità o incrostazioni.

E’ potente energia femminile la sua, di una “ gran signora” che sa cosa va fatto e lo fa con amore, compassione ma con una forza indomita.

E’ la Madre buona che rigenera ferite e lacerazioni anche di vecchia data, sia fisiche che psichiche.

Viene usato anche come cicatrizzante. Il suo effetto veramente miracoloso lo vediamo, per uso esterno, su dermatiti, arrossamenti, eczemi e psoriasi, le cui cause, oltre che prodotte da errori alimentari, sono soprattutto dovute a traumi e ferite d’amore subiti nel passato, magari anche misti ad una buona dose di rabbia, quindi ha effetti benefici anche sul fegato.

Nelle indicazioni di un unguento prodotto tempo fa, proprio per arrossamenti e dermatiti, usai questa espressione per definire le proprietà della pianta: “rigenera la trama del tessuto gioioso, lacerata” e tutt’ora non troverei parole migliori per descriverlo. Pertanto la sua qualità energetica è luce rigenerante.

E’ una pianta d’amore che lavora su diversi chakra, in primis sul IV ma la sua luce poi va a placare, rinfrescare o rigenerare ove necessario, pertanto la troviamo con funzione epatoprotettiva, calmante o meglio espettorante per tosse e catarri pesanti, ma anche mal di testa e non ce ne meravigliamo poi tanto.

In questi casi viene usata sotto forma di tisana: 5 g di fiori bolliti in 300 g di acqua. Bere in giornata un poco addolcita, in quanto l’elicriso è molto amaro e non gradevole al gusto.

Per eczemi fare impacchi usando garze sterili con 200 g di fiori, bolliti 10’ in 200 ml di acqua. Filtrare, far raffreddare ed applicare sulla parte interessata.

Per scottature solari o comunque come doposole, usare l’oleolito di elicriso: 70 g di fiore secco in 300 gr di olio di mandorle, per 3 settimane, magari usarlo miscelato ad aloe ed iperico. La sua azione protettiva varia a seconda delle piante con cui si combina, pertanto si svolge sia d’estate, come doposole, che d’inverno con effetto protettivo dalle intemperie, in ogni caso è quanto mai nutriente.

Salva

Elvira Angelucci

Ha lunga esperienza nell’ambito dell’insegnamento.
Gli anni tra il 1988 ed il 1996 sono decisivi per la sua formazione ed evoluzione interiore.
Lascia la scuola per dedicarsi allo studio ed alla pratica dello yoga.
Frequenta a Firenze il corso di formazione professionale di Psicosintesi presso l’”Istituto Assaggioli” e, negli stessi anni si diploma, sempre a Firenze, al “Kushi Institute”, in medicina ed alimentazione naturale.
L’interesse per lo yoga e la guarigione spirituale la porta ad incontrare insegnanti di valore e Maestri di Saggezza, tra cui Ron Yung e Daskalos, con cui studia e approfondisce la pratica dell’introspezione e della meditazione.
Diviene allieva di Massimo Rodolfi, e con lui approfondisce lo studio del RAJA YOGA.
Si diploma presso ENERGHEIA, 1° scuola italiana di formazione per terapeuti esoterici. Da lì inizia un percorso di auto- guarigione che si rinnova ogni giorno e da cui attinge forza e luce necessarie per oltrepassare lutti e difficoltà! Abilitata alla diffusione degli insegnamenti esoterici ed alla terapia esoterica, svolge corsi di Meditazione e di Raja Yoga in Toscana e di alimentazione naturale, nel territorio nazionale.
Nel 2010 fonda la ditta “SETTERISHI -rimedi per l’anima”, di cosmesi naturale e vibrazionale, iniziando lo studio sull’uso terapeutico di piante e fiori, dalla cucina alla cosmesi. Attualmente sta organizzando corsi ed incontri su questi temi, perché non può esistere guarigione e sviluppo di coscienza se non teniamo puliti i nostri corpi, a partire dal fisico.