Plumcake allo yogurt con mele e uvetta

plumcake mele uvetta 3Questa ricetta ha ormai qualche anno, è uno dei primi esperimenti di torte senza latte né burro… per “accontentare” la mia nipotina intollerante…

Fonte d’ispirazione è stata una delle tante ricette di plumcake allo yogurt che si leggono su riviste o libri, ora purtroppo non ricordo quale, è passato molto tempo!

La mia versione era semplice, semplice, praticamente ideale per la colazione.

Mia mamma poi, ottima cuoca, ma restia a preparare dolci, l’ha fatta sua (si sa, l’amore per i nipoti ti spinge oltre ogni “resistenza” e ti fa fare cose “mai” sperimentate prima).

Non solo questa è l’unica torta che prepara, ma l’ha persino arricchita con mele e uvetta, rendendola adatta ad ogni occasione.

Ingredienti:

  • 150 gr zucchero
  • 2 uova intere
  • 2 tuorli
  • 80 gr olio di girasole (oppure 80 gr di olio di riso, o metà e metà)
  • 220 gr farina tipo 0
  • 125 gr yogurt di soia o di riso
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito per dolci (io utilizzo quello naturale, già aromatizzato con vaniglia dalle bacche)
  • 2 piccole mele sbucciate e tagliate a pezzettini (circa 220 gr)
  • 20 gr uvetta

Procedimento:

Preriscaldare il forno statico a175°C.

Ammollare l’uvetta in acqua tiepida e tenere da parte.

Versare zucchero, uova e tuorli, un pizzico di sale e mescolare bene fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungere lo yogurt e amalgamare.

Aggiungere la farina, mescolare bene ed aggiungere l’olio.

Aggiungere il lievito e mescolare fino ad ottenere un composto morbido ma non eccessivamente liquido.

Aggiungere le mele a pezzetti e l’uvetta scolata e strizzata.

Distribuite il composto in uno stampo da plumcake (lungo almeno 28 cm) rivestito di carta forno (oppure oliato e infarinato, come preferite).

Cuocere a 175°C per 35-40 min, fate la prova con lo stecchino (dipende dal forno e dal tipo di mela, più o meno succosa).

Lasciate raffreddare e servire.

 

Variante:

Potete anche mettere il composto in 6 stampini e cuocere per 30 minuti circa.

Potete provare con altri tipi di farina o con altre proporzioni.

Se non amate le mele o l’uvetta potete seguire lo stesso procedimento senza mettere questi ultimi ingredienti, diminuendo i tempi di cottura, (senza le mele basteranno 30 min circa).

Buone dolcezze!

Sabrina Manenti

Nata in provincia di Bergamo nel 1978 e cresciuta in collina, tra i vigneti, si diploma Perito Agrario nel 1997; è titolare di una piccola azienda vitivinicola che conduce con la famiglia. L’interesse per la conoscenza di sé la porta ad interessarsi di psicologia, filosofia e pedagogia laureandosi nel 2006 in Scienze dell’Educazione con la tesi “La disciplina yoga all’interno dei processi educativi”. Nel frattempo la continua ricerca nella scoperta del mondo interiore la porta ad iscriversi nel 2005 ad “Energheia”, prima scuola italiana di formazione per Terapeuti Esoterici, diplomandosi nel 2008. Frequenta un master per “Operatore Yoga per la scuola” diplomandosi nel 2006. Alla ricerca dell’innocuità frequenta e si diploma al primo (bellissimo) corso organizzato da “Le Dodici Stelle”, associazione per la diffusione di una nuova Educazione. Educatrice di nidi d’infanzia, per alcuni anni ha tenuto corsi di yoga per bambini. Da mamma si dedica alla ricerca continua del Buono, del Bello, del Vero, alla ricerca del meglio per la cura dei piccoli (e dei grandi). Appassionata di dolci e pasticceria non manca di allietare le sue giornate e le giornate degli amici con le sue dolcezze.

Tags: , ,