Non ci si nutre di solo cibo, ma di pensieri, emozioni, soddisfazioni e insoddisfazioni, gratificazioni e frustrazioni: tecniche pratiche per andare oltre il negativo – prima parte

non ci si nutre di solo ciboL’essere umano non è solo il suo corpo. Questo è la parte di noi che ci permette di esprimerci sul pianeta attraverso i gesti, le azioni e il linguaggio verbale. Esiste una parte di noi che produce emozioni e un’altra che produce pensieri, che vengono tradotti sul piano fisico con il lavoro delle ghiandole, i neurotrasmettitori e l’impulso, tramite questi, ad agire, parlare in un certo modo piuttosto che in un altro. Siamo anche la nostra componente spirituale, il nostro “grillo parlante”, la luce che in noi ci spinge verso il positivo, il bicchiere mezzo pieno piuttosto che mezzo vuoto, verso l’unione e l’aiuto piuttosto che la separazione e l’astio, verso l’amore verso gli altri e verso noi stessi. Anima, scintilla divina o iperconscio: chiamatelo come vi pare, ma esiste ed è con noi dall’inizio dei tempi.

Tutto ciò (corpo emotivo, mentale e spirituale) è materia, anche se più rarefatta di quella fisica che possiamo vedere, ma è composta di atomi, particelle. In fondo non possiamo vedere né infrarossi, né ultravioletti, ma diamo per scontato che esistono perchè strumenti adatti ce lo hanno dimostrato. Ecco. Chi è chiaroveggente lo vede con i propri strumenti: gli occhi. Noi dovremo aspettare che la scienza faccia ancora passi avanti per dimostrarlo.

Corpo, mente, emozioni, anima, in noi, sono un tutt’uno compenetrato e inscindibile, per cui se mangio troppo….accumulerò cibo, se trattengo troppe emozioni negative…le tratterrò da qualche parte (circolazione che non va, fegato grasso, intestino infiammato, grasso intorno ai fianchi….), se penso troppo…..mi scoppierà la testa perché non riesco più a contenere tutto e non smaltisco.

Le emozioni belle, i bei pensieri, nutrono bene il corpo. Anche la scienza ha detto che emozioni belle aumentano le difese immunitarie!

Vengono ben metabolizzate, non ristagnano, proprio come il cibo sano (verdura e frutta fresca e biologica!)

Emozioni e pensieri brutti fanno il contrario. Intoppano. Stagnano. Ingorgano, proprio come i junk food!!!!!!

Come fare?

Imparare ad ascoltarsi mentre si vive. Cosa sto provando mentre quella persona mi parla? A cosa penso quando sono in auto, mentre faccio i lavori di casa, mentre consumo un pasto, mentre il mio compagno/a mi abbraccia e mi bacia?

Non si può trasformare ciò che non si conosce. Iniziate da lì e poi, se siete in un’emozione negativa, cercate di spostarvi in uno stato d’animo diverso: non vale mai la pena stare nel male!!!!

Il lavoro è lungo, a volte faticoso, perchè dobbiamo sradicare delle credenze radicate in noi da decenni, anzi, da incarnazioni. Se non credete nella reincarnazione non è un problema, sappiate che i vostri geni sono il prodotto dei geni di chi è venuto prima di voi, per cui ci sono molte più cose di quel che pensate abbarbicate dietro le vostre abitudini, i modi di pensare, le paure, le reazioni.

Nel prossimo articolo vedremo altri strumenti con cui affrontare questi limiti.

Simona Barbieri

Simona Barbieri,
nata a Torino 39 anni fa, cresciuta a pane e curiosità per tutto ciò che non ha una risposta.
Innamorata fin da piccola dello sport, della danza e di qualsiasi forma di movimento in un rapporto infinito di amore-odio nei confronti del proprio corpo, diventa dietista e insegnante di fitness. Ma la vita è un gioco, una giostra che non si ferma mai e dal fitness esplora e conosce il wellness, con le sue discipline dolci e introspettive come il Pilates, il power yoga e il postural training. Da qui, l’incontro con la spiritualità, il raja yoga e lo yoga fisico avviene fluido e naturale.
Il conflitto con se stessa diventa comprensione e amore che riporta nel suo mestiere attuale di terapeuta olistico con tutto il suo bagaglio di conoscenze. Non si può cambiare quel che non si comprende e non si può comprendere quel che non si conosce. Così magari si parte da una sciatica o da un problema di sovrappeso e si finisce a parlare di come va la vita lavorativa o il rapporto con il marito…
A volte, invece, è solo questione di portare un po’ di gioia e leggerezza alle persone in un’ora di Zumba o step, dove la musica ti prende per mano, la coreografia ti indica la strada e dentro si accende una luce, grazie alla quale il grigio scompare per un attimo e per un attimo vivi, vivi veramente.
Scrive per il sito de l’associazione Riprendiamoci il Pianeta e per il Portale Yoga, Vita e Salute.
“Scrivo, mi esprimo, danzo con le parole così come con la vita. D’altronde anche Shiva danza nella creazione continua, no?”

Tags: , , ,