Nodo lunare in Sagittario

04astro300_0Questi due punti dell’eclittica lunare sono appunto il Nodo Lunare Nord e il Nodo Lunare Sud i quali rappresentano un rapporto spesso conflittuale fra le energie creative ed evolutive del Sole e gli antichi legami consolidati, che l’uomo ha con il suo passato, rappresentati dalla Luna.
Nei grafici astrali viene rappresentato solo il Nodo Lunare Nord, ma sapendo che il Nodo Lunare Sud è posto a 180°, cioè in aspetto di opposizione, la linea che unisce questi due punti nei segni zodiacali, che sono opposti polari, raffigura il percorso evolutivo dell’anima in questa precisa incarnazione. Quindi i Nodi Lunari sono un indicatore karmico molto importante da un punto di vista interpretativo.
Nel Nodo Lunare Nord troviamo la potenzialità e la capacità che l’uomo ha di realizzare in questa vita lo scopo per cui la sua anima si è incarnata. Nel Nodo Lunare Sud invece troviamo i legami che rallentano o che bloccano questa realizzazione, per restare dentro a modelli comportamentali rassicuranti, che l’uomo ha costruito vita dopo vita. Il Nodo Lunare Sud, o discendente, si porta con sé problemi karmici irrisolti e che devono necessariamente essere affrontati. Quindi il Nodo Lunare Sud collega l’uomo al suo passato, mentre il Nodo Lunare Nord gli dà indicazioni sulla via evolutiva da seguire. I Nodi Lunari sono due punti magnetici per l’anima, punti che ora si attraggono ed ora si respingono; rappresentano il passato e il futuro e l’uomo, posto al centro nel presente, viene spinto ad agire in base al proprio karma individuale ed in funzione della sua evoluzione. Il Nodo Lunare Sud è la via di minore resistenza, dove l’uomo si trova a suo agio, ancorato al suo passato che, prima o poi, deve abbandonare, ed è in opposizione al Nodo Lunare Nord che rappresenta invece la sfida della vita, intesa come nuove esperienze che possono portare l’uomo a raggiungere la sua massima evoluzione possibile, nel senso di espansione di coscienza, in questa particolare incarnazione. L’uomo deve lasciarsi alla spalle il suo passato, trasmutando il suo karma, trattenendo però la memoria delle sue esperienze, poiché va abbandonato ciò che non serve più e trattenuto ciò che serve per proseguire il cammino. Il Nodo discendente, quindi, rappresenta il recinto karmico in cui ogni uomo è racchiuso, e l’uomo, mentre lotta per uscirne, contemporaneamente deve confrontarsi con il nuovo ciclo vitale rappresentato dal Nodo ascendente. Allora, restando attaccato alle sue radici, l’uomo spesso cammina verso il suo futuro portandosi appresso antichi legami, come pesanti catene che lo rallentano e che gli fanno fare immani fatiche. La via evolutiva sarebbe semplice, basterebbe lasciare cadere le catene che ci legano al passato, ma questo è difficilissimo da mettere in pratica. L’uomo deve cercare di purificarsi, di alleggerirsi del suo passato e di illuminare la sua coscienza, al fine di potere avanzare sul sentiero verso l’alto, verso la luce della sua anima.

Il ciclo dei Nodi Lunari si compie in circa 19 anni, quindi per attraversare un segno zodiacale il Nodo Lunare Nord impiega circa 18 mesi, senza mai dimenticare che transita sempre con moto retrogrado, cioè a ritroso nello zodiaco.
Ora il Nodo Lunare Nord è in transito nel segno del Sagittario dal 13 febbraio del 2011 e ne uscirà il  3 settembre 2012, per entrare nel segno antecedente, ovvero in Scorpione. Quindi i bambini nati in questo periodo hanno tutti nel loro oroscopo il Nodo Lunare Nord in Sagittario, come pure le persone nate dal 14 aprile 1955 al 30 ottobre 1956, dal 23 novembre 1974 al 12 giugno 1975 ed infine dal 5 luglio 1992 fino al 21 gennaio 1994.
Il Nodo Lunare Nord, o ascendente, in Sagittario pone, chi vi è nato, di fronte ad una lezione karmica che potrà essere appresa attraverso esperienze nell’ambito della lealtà e della fedeltà. La scelta che questa persona dovrà fare è decidere, una volta per tutte, da che parte stare e smettere di cercare di evitare di compromettersi e di assumersi le responsabilità delle proprie azioni. Il Nodo Lunare Sud, o discendente, in Gemelli, infatti indica che, nelle vite precedenti, questa persona non riusciva mai a tenere l’attenzione e la concentrazione su una cosa sola, con il risultato di essere dispersivo e inconcludente, perdendo così di vista i suoi reali scopi da realizzare. Inoltre una conseguenza di questo atteggiamento era quella di cambiare continuamente parere sulle persone e sulle cose. Le persone nate con il Nodo ascendente in Sagittario possono entrare in conflitto con se stesse a causa del loro desiderio di interagire sempre con tutti, caratteristica dei Gemelli, ma contemporaneamente desiderando anche di ritirarsi dal mondo per restare sole con se stesse, e questa prerogativa le rende molto instabili. Quindi la lezione da imparare dal Nodo Lunare Nord in Sagittario è quella di cercare di essere meno superficiali e di smettere di fare ragionamenti troppo fantasiosi, ma di tornare alle cose semplici e reali della vita. Chi nasce con il Nodo ascendente in Sagittario deve, dapprima, comprendere la dualità della vita, che si esprime nel rapporto spirito-materia, e poi capire che questi poli opposti non sono altro che due lati di un’unica realtà. Solo guardando la vita da questa angolazione tutto ciò che è stato acquisito come conoscenza può un giorno trasformarsi in saggezza di vita.

Maria Grazia Barbieri

Maria Grazia Barbieri nasce a Modena e dopo studi liceali trascorre alcuni anni ad approfondire la lingua inglese e l’astrologia viaggiando in Europa e in Oriente. Durante la permanenza in Oriente l’interesse per la scienza astrologica diviene più profondo e consapevole.
Poi l’incontro con Massimo Rodolfi la porta in contatto con lo studio del Raja Yoga e dà inizio a dieci anni di profondo lavoro di trasformazione di sé e di studio dell’esoterismo.
Nel presente il suo impegno è di diffondere con dedizione i fondamenti dell’esoterismo e la conoscenza dell’astrologia esoterica attraverso seminari e conferenze. Inoltre segue e coordina le molteplici attività dell’associazione culturale Atman, di cui è punto di riferimento a livello organizzativo.