La Luna nuova in Toro

Luna in toro_risultatoIl Wesak, il plenilunio del Toro avvenuto il 4 maggio 2015 alle 5.43 ha rappresentato il momento culminante del ciclo di lunazione iniziato il 18 aprile con la Luna nuova in Ariete, e la sua potente energia si sta diffondendo ovunque penetrando la materia.

Ora siamo sotto l’influsso della fase calante della Luna, che l’11 maggio ha segnato il suo quarto calante, e che il 18 maggio, congiungendosi con il Sole, ha dato vita alla Luna nuova in Toro, l’inizio di un nuovo ciclo, che ci porterà al plenilunio del Cristo in Gemelli il 2 giugno, ma che all’interno di un ciclo più grande ci porterà fino al prossimo Wesak del 2016.

La nota del plenilunio del Toro del 4 maggio è stata tradotta come “Luce della creazione” e caratterizzerà il nuovo ciclo che andremo ad affrontare, che avrà il suo punto più denso ed oscuro durante il plenilunio dello Scorpione il 27 ottobre 2015.

La Luna nuova in Toro, quindi, segna l’inizio di un nuovo ciclo che culminerà durante il Wesak del 2016, e durante questo anno, caratterizzato ogni mese dai pleniluni nei segni zodiacali susseguenti, l’Umanità sarà chiamata a confrontarsi con l’energia potente sprigionatesi durante il Wesak del 4 maggio.

Gli aspiranti sul sentiero e i discepoli, in modo particolare, devono mettere la propria vita al servizio di quella Luce creativa, devono lasciarsi penetrare ed accogliere quella Luce, indifferenti alla fatica e alla sofferenza provocate dalle personali resistenze, e fare si che la loro presenza nel mondo sia un faro, che illumini la via a quella parte di Umanità ancora brancolante nel buio e persa nell’illusione, affinché possa vedere e riconoscere la Verità e l’Amore.

Per divenire un punto radiante di Luce, dobbiamo per prima cosa cercare la Via del cuore, ed aspirare a cambiare noi stessi per vivere con consapevolezza, responsabilità ed innocuità la nostra vita, in comunione con tutti gli esseri viventi.

Il Wesak del 4 maggio ha emesso la sua nota e ora non dobbiamo fare altro che dedicare il nostro tempo alla sua realizzazione, ma non tanto con paroloni o gesta eroiche, ma nel nostro agire quotidiano, nella semplicità di un gesto cortese, magari verso uno sconosciuto che ha bisogno del nostro aiuto, o anche solo della nostra presenza.

La Luna nuova in Toro ci offre gli strumenti per iniziare questa trasformazione, infatti il Sole e la Luna congiunti in Toro, segno governato da Venere sul piano della personalità, ci aiuteranno a comprendere il perdono e ad accogliere l’altro senza pretendere nulla in cambio.

Dobbiamo imparare la vera accoglienza, spinti verso l’altro da un amore disinteressato, e questo non sarà un compito facile, poiché avremo a che fare con noi stessi, con i nostri egoismi, le nostre avidità e le tante piccole miserie del nostro animo. Le resistenze sono forti, esaltate dall’oscurità del novilunio, durante il quale viene impedito al Sole di irradiare la sua luce.

La resistenza alla luce è rafforzata anche da Marte che, essendo in Gemelli, risalterà la dualità fra spirito e materia, creando un forte conflitto all’interno di ognuno di noi, conflitto inasprito dall’opposizione di Saturno in Sagittario. Questa opposizione sta ad indicare che la materia sarà sottoposta alla Luce in modo diretto, senza intermediari. Il karma inevitabilmente affiorerà in superficie e sarà illuminato e trasmutato.

A questa Luce nulla può resistere, neppure il male più oscuro, anch’esso sarà raggiunto e dissolto. La Luce della creazione sarà ovunque, non dobbiamo fare altro che riconoscerla in noi e negli altri. La Luce ha la pelle di tanti colori, parla lingue diverse, si veste con abiti diversi, e ha usi e abitudini diverse, e prega anche con parole diverse, ma sono solo modi “diversi” con cui la Luce si manifesta. L’essenza è la stessa, tutti noi siamo in essenza quella luce, la quale si riconosce e si incontra da cuore a cuore.

Se riusciamo ad andare oltre all’apparenza, scopriremo che gli occhi di ogni essere vivente riflettono la stessa luce, che le parole di ogni essere vivente pregano lo stesso Dio, e che il cuore di ogni essere vivente appartiene ad uno stesso unico cuore.

Ed è con questa consapevolezza che il Buddha e il Cristo ci attendono per una nuova benedizione al Wesak del prossimo anno; tutti insieme, fraternamente, per affermare la forza e la potenza della vita, fieri della nostra Umanità.

Maria Grazia Barbieri

Maria Grazia Barbieri nasce a Modena e dopo studi liceali trascorre alcuni anni ad approfondire la lingua inglese e l’astrologia viaggiando in Europa e in Oriente. Durante la permanenza in Oriente l’interesse per la scienza astrologica diviene più profondo e consapevole.
Poi l’incontro con Massimo Rodolfi la porta in contatto con lo studio del Raja Yoga e dà inizio a dieci anni di profondo lavoro di trasformazione di sé e di studio dell’esoterismo.
Nel presente il suo impegno è di diffondere con dedizione i fondamenti dell’esoterismo e la conoscenza dell’astrologia esoterica attraverso seminari e conferenze. Inoltre segue e coordina le molteplici attività dell’associazione culturale Atman, di cui è punto di riferimento a livello organizzativo.

Tags: , , , , , , , , ,