Hugo Cabret

Hugo CabretUn film di Martin Scorsese. Con Ben KingsleySacha Baron CohenAsa ButterfieldChloe MoretzRay Winstone.  Avventura

Hugo Cabret è il nome di un bambino. Un bambino che vive con il suo papà.

La passione del padre per tutto ciò che è meccanico li porta a riparare un robot dimenticato, un automa scrivente, trovato nelle soffitte del museo nel quale lavora. Padre e figlio sono uniti nel meticoloso lavoro di ripristino dell’automa. Sfortunatamente il papà perde la vita in un incendio sviluppatosi proprio nel museo.

Il bambino, orfano, viene affidato ad uno zio. Anaffettivo. Vivono all’interno della grande stazione ferroviaria di Parigi dove lo zio è il responsabile della manutenzione degli orologi di tutta la stazione.

La stazione diventa l’universo di Hugo e quando lo zio scompare, Hugo riesce a sostituirlo nel suo lavoro e a continuare a vivere all’interno della stazione.

L’unico scopo di Hugo, ormai rimasto solo, è quello di ultimare il lavoro iniziato insieme al suo papà. Vuole rendere funzionante l’automa, seguendo le indicazioni scritte e gli schizzi disegnati su un libricino lasciatogli dal padre, nella speranza che attraverso l’automa possa decodificare un messaggio paterno.

Spinto dalla ricerca dei pezzi mancanti, Hugo si ritrova davanti alla bottega di giocattoli e di giochi di prestigio, il cui proprietario, un anziano signore all’apparenza burbero, a seguito dei molteplici furtarelli di Hugo, gli sequestra il libricino di appunti paterni offrendogli un lavoro per riscattarlo. Il bimbo ne conosce la nipote, con la quale diventano amici e complici nel mantenere il suo segreto. Il proprietario del negozio si scopre essere Méliès.

Da qui inizia il viaggio di Hugo alla ricerca inconsapevole dello scopo della propria vita. Gli incontri e le esperienze che vivrà, si incasellano nel disegno perfetto della sua esistenza, proprio come gli ingranaggi degli orologi (e dell’automa) che, per metafora, rimette assieme.

Alla fine tutti i tasselli del mosaico si riassesteranno in un affresco che è un omaggio all’arte, al cinema, e alla magia della fantasia, fatta anche di sacrificio, non sempre compreso dal pubblico.

Il tempo ha un ruolo importante: Hugo ripara gli orologi che segnano il tempo e il tempo ha portato Méliès a dimenticare, a mimetizzarsi nella monotonia quotidiana per allontanarsi dalla sua grande passione che lo ha tradito: il cinema.

Hugo irrompe nella vita di Méliès, la sua caparbietà a riportare in vita l’automa spinge anche Méliès ad affrontare i suoi ricordi seppur dolorosi.

Hugo, anche se all’apparenza sembrerebbe tradito dalla vita poiché rimasto orfano, ha un ruolo fondamentale per salvare un’altra vita e spingere Méliès a credere nelle sue opere.

 

Hugo Cabret

“Mi piace immaginare che il mondo sia un unico grande meccanismo. Sai, le macchine non hanno pezzi in più. Hanno esattamente il numero e il tipo di pezzi che servono. Così io penso che se il mondo è una grande macchina, io devo essere qui per qualche motivo. E anche tu!”

Cristina Insalata

Mi chiamo Cristina Insalata, sono nata il 15 Aprile 1969.
Sono laureata in Economia e Commercio e dopo l’attività svolta presso vari Studi ho un mio piccolo Studio dove svolgo l’attività di commercialista.
Da sempre sono stata affascinata dalle scienze esoteriche, spinta dal desiderio di conoscere il funzionamento della vita. Sono però stata per molto tempo bloccata nell’approfondimento a causa della mia formazione cattolica.
Da pochi anni mi sono avvicinata a tutto questo, proprio in un momento della mia vita in cui non riuscivo più a capirne il senso e mi sembrava sterile ed incompleto vivere senza una proiezione in un disegno più grande e senza riuscire a sentirmi parte del tutto.
Ho iniziato con il corso di meditazione 1, poi direttamente mi sono iscritta alla scuola Triennale di Energheia e mi sono diplomata a Giugno 2013. Ho frequentato Agnihotri diplomandomi nel Giugno 2014. Nell’autunno del 2014, per approfondire maggiormente la conoscenza e proseguire la mia crescita spirituale, mi sono iscritta al corso biennale ‘le Dodici Stelle’ che promuove l’educazione all’ innocuità e un corso di approfondimento per insegnare lo yoga ai bambini,
Il tutto, sempre di più, é parte integrante della mia vita.
Dall’autunno del 2013 ho iniziato a tenere corsi di Meditazione I e II.
Amando moltissimo il cinema mi sono proposta per scrivere piccole recensioni sul portale di vita yoga e salute, suggerendo titoli di film che possano, raccontando storie, portare a riflettere sui diversi aspetti della nostra esistenza.