Giallo in natura – terza parte

giallo in natura 3parteConcludendo questa passeggiata nel giallo, troviamo un’altra pianta meravigliosa, che amo particolarmente, il TOPINAMBUR, conosciuto e giustamente apprezzato in cucina come radice. E’ naturalmente dolce, ormai abbiamo capito che nutre la milza, adattissima ai diabetici, sostanziosa, nutriente, ma leggera e digeribile, ottima fritta come sostituto di quelle orribili patatine transgeniche e neanche più fatte di patate, ma di strane miscele quantomeno cancerogene (a volte nei ristoranti mi è capitato di vedere genitori gustare bei piatti di pasta al pesce e per i bambini patatine fritte e coca cola, perché il resto “non lo mangiano”…come è possibile tanta aberrazione?). Deliziosa anche negli stufati, soprattutto di radici, a cottura lenta così che tutto il calore rimane dentro e ci nutre in profondità.

Pochi però gustano e apprezzano il fiore. Lo troviamo lungo le sponde dei fiumi, ma anche nei campi, è pianta invasiva e non adatta nei giardini. Si presenta come un alto fusto ed il fiore è simile ad una grande margherita. È di un giallo molto intenso e bellissimo, raccolto fresco ha un odore simile al cioccolato. E’ veramente l’ultimo fiore dell’estate, dopo di lui arrivano i crisantemi, cioè novembre con l’imminente inverno.

Personalmente lo uso in cosmesi, avendone conosciute le qualità energetiche. Produce un oleolito leggero e delicato e, nonostante il suo intenso giallo, ha qualità rinfrescante, anche se non è il termine giusto. Toglie dalla pelle i residui infiammati e roventi dell’estate e la prepara alle intemperie – vento e freddo – invernali. Sembra banale ma non lo è affatto. Guidati da una eccessiva e indisciplinata mente, non sempre siamo capaci di tornare nel cuore, nel silenzio, nell’introspezione. Ecco allora che la natura, saggia amorevole, ci regala il topinambur, che accompagna nel delicato passaggio psichico oltre che stagionale: tornare a casa, dall’intensa e irrefrenabile espansione all’esterno al silenzio del cuore. In una deliziosa preparazione l’ho chiamata SINTESI, ed è il termine che esprime esattamente la sua funzione, sintesi delle esperienze, del vissuto e di ciò che richiede ancora compimento, insomma fare i conti con se stessi. Trovo commovente questo silenzioso ma potente aiuto che ci regala la natura, non è facile tornare sui propri passi e permettersi l’ascolto, anche delle esperienze apparentemente negative e deludenti, il figliol prodigo insegna…

Tornare al cuore, al centro, per ritrovare quel luogo di silenzio e pace profonda da cui millenni fa siamo partiti per un lungo viaggio.

Buon topinambur!

Ecco la ricetta per una calda tisana:

  • una manciatina di verga
  • una di iperico
  • una di fiori di topinambur
  • una di fiori di calendula (raccolto in luoghi sicuri e fatto seccare all’ombra per qualche giorno)

Una tazza di acqua bollente, lasciare in infusione e gustare piano piano, se volete con poco miele, assaporando questa gialla vibrazione e raccogliendola nel vostro cuore.

Elvira Angelucci

Ha lunga esperienza nell’ambito dell’insegnamento.
Gli anni tra il 1988 ed il 1996 sono decisivi per la sua formazione ed evoluzione interiore.
Lascia la scuola per dedicarsi allo studio ed alla pratica dello yoga.
Frequenta a Firenze il corso di formazione professionale di Psicosintesi presso l’”Istituto Assaggioli” e, negli stessi anni si diploma, sempre a Firenze, al “Kushi Institute”, in medicina ed alimentazione naturale.
L’interesse per lo yoga e la guarigione spirituale la porta ad incontrare insegnanti di valore e Maestri di Saggezza, tra cui Ron Yung e Daskalos, con cui studia e approfondisce la pratica dell’introspezione e della meditazione.
Diviene allieva di Massimo Rodolfi, e con lui approfondisce lo studio del RAJA YOGA.
Si diploma presso ENERGHEIA, 1° scuola italiana di formazione per terapeuti esoterici. Da lì inizia un percorso di auto- guarigione che si rinnova ogni giorno e da cui attinge forza e luce necessarie per oltrepassare lutti e difficoltà! Abilitata alla diffusione degli insegnamenti esoterici ed alla terapia esoterica, svolge corsi di Meditazione e di Raja Yoga in Toscana e di alimentazione naturale, nel territorio nazionale.
Nel 2010 fonda la ditta “SETTERISHI -rimedi per l’anima”, di cosmesi naturale e vibrazionale, iniziando lo studio sull’uso terapeutico di piante e fiori, dalla cucina alla cosmesi. Attualmente sta organizzando corsi ed incontri su questi temi, perché non può esistere guarigione e sviluppo di coscienza se non teniamo puliti i nostri corpi, a partire dal fisico.

Tags: , , , ,