Aspetti natali tra Luna e Nettuno

luna nettunoLuna e Nettuno si somigliano per emotività e fantasia, la Luna indirizza queste caratteristiche verso una sensibilità soggettiva e quotidiana, mentre Nettuno è proiettato in dimensioni non individuali ma cosmiche e mistiche. La loro unione non costruisce cose materiali e tangibili ma costruisce una buona base emotiva e fa spaziare la mente in territori immaginari, oppure rinchiude la mente stessa nella gabbia delle nevrosi. Così gli effetti di un aspetto positivo tra i due pianeti denoterà una notevole sensibilità tendente a volte a tracimare in un eccesso di lamentele. Di solito tale caratteristica è ereditata dalla figura materna, una donna atipica e più sensibile della norma, spesso solitaria, talora attratta dal misticismo. Con essa ci sarà stato sovente un rapporto empatico, all’interno del quale poteva essere difficile distinguere i ruoli di genitrice e figlio. Una donna con questo aspetto raramente rientrerà nei canoni della banalità, un uomo cercherà donne particolari e sfuggenti, in grado di capire i suoi tumulti interiori. Se invece il rapporto tra i due astri è negativo, sono quasi assicurate le turbe emotive, e andrà verificata volta per volta la loro portata.

Luna in congiunzione a Nettuno: La congiunzione tra questi due pianeti caratterizza l’individuo, avente nel proprio tema natale quest’aspetto, un eccesso di sensibilità, un’immaginazione esuberante, persone inclini alla contemplazione e sognatrici. La madre di questi soggetti è di solito un personaggio camaleontico, mutevole, atipico, che aveva sviluppato con la prole un rapporto ansioso ma non possessivo. Una donna con questa combinazione planetaria avrà in sé un lato di singolarità e di rado si asservirà alle regole correnti. Un uomo non cercherà compagne soffocanti ma sarà attratto da creature particolari, che talora vivono in un mondo tutto loro.

Luna in sestile a Nettuno: Il sestile garantirà un’ottima sensibilità, nei soggetti aventi questa combinazione oroscopica, evitando di far scivolare il soggetto in un eccesso di sentimentalismo. Questi soggetti possiedono una forza non comune d’attrazione, irradiandola dal profondo del loro essere.

Luna in quadratura a Nettuno: Il quadrato tra questi due pianeti comporta comunemente una dose di sofferenza emotiva per la difficoltà a rielaborare le sensazioni, spesso facendo fissare la memoria su qualche ricordo doloroso che non si riesce ad accettare. Eventi del passato che possono anche non riaffiorare con nitidezza, rendendo così molto difficile identificare l’origine del problema. Questi traumi sepolti a volte risalgono addirittura alla gravidanza, oppure ai primissimi mesi di vita, situazioni di cui può mancare un ricordo cosciente. Oppure ancora era la madre ad avere problemi emotivi, che hanno ovviamente influenzato l’esistenza di chi ha tale quadrato. Una donna adulta potrà avere così qualche difficoltà ad accettare la propria femminilità, mentre un uomo, al di là delle nevrosi personali, sarà attirato da donne non serene, complicate.

Luna in trigono a Nettuno: Il trigono tra questi due pianeti caratterizza l’individuo con una vita affettiva e sensuale estremamente raffinata. Sono persone sensibili con uno spiccato talento musicale. Una donna avrà a volte doti quasi medianiche, come tutti quelli che cercano un contatto autentico con l’universo e lo trovano, non importa se lo immaginano soltanto o lo ottengono davvero. Un uomo sarà anche lui un atipico e cercherà compagne capaci di comunicare con il suo particolare mondo interiore.

Luna in opposizione a Nettuno: L’opposizione tra questi due pianeti caratterizza individui talmente sprofondati nelle visioni della propria immaginazione da non poterle più distinguere dalle impressioni di cose effettivamente vissute. Tra loro e il mondo v’è sempre un abisso, e i tentativi di colmarlo non fanno altro che moltiplicare le delusioni. Per una donna, bisogno di trovare molte conferme alla propria femminilità, per un uomo, difficoltà a incontrare donne che non rappresentino un problema.

Fabio Gavioli
Fabio Gavioli nasce a Modena l’8 giugno 1971. Si diploma con la qualifica di perito informatico. Nel 2007 conosce Massimo Rodolfi e decide di “programmare” la sua vita frequentando “Energheia”, prima scuola italiana per terapeuti esoterici. Già dal 2008 inizia a insegnare Raja Yoga e Meditazione sia di gruppo che individuale. Ora scrive sul portale “Yoga Vita e Salute” sulle rubriche di Astrologia e di Viaggi, sue grandi passioni fin dall’adolescenza, scrive anche sulla rubrica Tecnologia lavorando nel campo dell’IT Technology.
Tags: , , , , , ,