Alchimia in natura

alchimia-in-naturaDopo la pausa estiva, per me affatto vacanziera, torno ai miei lettori con ancora qualche articolo su piante specifiche, per poi passare in rassegna “le principali tematiche” che affliggono l’uomo comune relativamente a problemi di salute.

Ma perché anticipare? Riprendiamo le nostre piacevoli e spero utili chiacchierate e riflessioni.

Quello di cui sto per parlare è un arbusto per me particolare, molto comune, considerato per lo più infestante e per questo sovente tagliato lungo i bordi delle strade, perché ritenuto fastidioso. Spesso, molto spesso, l’uomo taglia il verde di troppo che invade, mentre in realtà esso cercherebbe in ogni modo di sfiorarci il volto, affinché apriamo gli occhi e cominciamo non solo a guardare, ma finalmente a vedere la bellezza dell’alchimia naturale che ci circonda. Dio cerca continuamente di raggiungerci, ma noi siamo troppo occupati, e anziché guardare in alto, o in basso, intorno a noi…cosa vediamo?

Anche il mio vicino ha sempre fatto così e del sambuco non sono mai riuscita, negli anni, a godermi l’alchemica trasformazione, da fiore bianco che guarda il cielo agli inizi di Primavera, alla rossa bacca ad ombrello che volge lo sguardo a terra, non certo vergognosa. Si, è di lui che voglio parlare. Il comunissimo e meraviglioso sambuco, e non certo il vicino di casa.

Nella tradizione popolare è chiamato aspirina naturale per l’effetto sudorifero dei fiori in tisane contro raffreddori e influenze, abbinato in questo caso al tiglio o al salice.

Le bacche contengono tanta acqua, zuccheri, proteine, fibre, sali minerali, vitamine A e C.

Contiene Sambuchina dalle proprietà essudative (diaforetiche) e pure antinfiammatorie. Pertanto è utile in infiammazioni urinarie o respiratorie, mentre la corteccia è lassativa e i fiori per uso esterno in cataplasmi per reumatismi.

Rinforza l’immunità, abbassa la pressione, aiuta cuore e vasi riducendo rischi d’infarto, utile contro osteoporosi e diabete. Insomma io ci penserei due volte prima di tagliarlo! Queste informazioni le trovi sui libri di erboristeria, ma io aggiungerei che crea un profondo radicamento a terra, primo Chakra; il color scuro e profondo delle bacche ricorda un sangue spesso ed altrettanto oscuro, come quello venoso. Mi ricorda l’agata, un cristallo che adoro, e pur’esso aiuta a ricreare cellule nuove, un sangue nuovo: questo producono le scure, succulente e a suo modo luminose bacche, sostenute da quei gambi rosso violaceo, vere autentiche vene di incredibile forza, attraverso cui scorre la Divina Terapia Riparatrice.

Il testo da cui ho tratto informazioni, a proposito dell’azione sull’immunitario, diceva che “da qui un giorno si potrà giungere a sostenere malati di cancro o AIDS sotto chemioterapia”. Ci siamo già, io penso. Non esiste più alcun indugio alla guarigione, la strada è aperta, se solo lo vogliamo. Devo solo farlo sapere al mio vicino.

Un bel succo concentrato di sambuco, biologico, selvatico e senza zucchero, io me lo berrei subito. Mi riservo l’applicazione pratica di quanto detto ed anche la sinergia con altre piante ad altro momento, solo il tempo di sperimentare.

Elvira Angelucci

Ha lunga esperienza nell’ambito dell’insegnamento.
Gli anni tra il 1988 ed il 1996 sono decisivi per la sua formazione ed evoluzione interiore.
Lascia la scuola per dedicarsi allo studio ed alla pratica dello yoga.
Frequenta a Firenze il corso di formazione professionale di Psicosintesi presso l’”Istituto Assaggioli” e, negli stessi anni si diploma, sempre a Firenze, al “Kushi Institute”, in medicina ed alimentazione naturale.
L’interesse per lo yoga e la guarigione spirituale la porta ad incontrare insegnanti di valore e Maestri di Saggezza, tra cui Ron Yung e Daskalos, con cui studia e approfondisce la pratica dell’introspezione e della meditazione.
Diviene allieva di Massimo Rodolfi, e con lui approfondisce lo studio del RAJA YOGA.
Si diploma presso ENERGHEIA, 1° scuola italiana di formazione per terapeuti esoterici. Da lì inizia un percorso di auto- guarigione che si rinnova ogni giorno e da cui attinge forza e luce necessarie per oltrepassare lutti e difficoltà! Abilitata alla diffusione degli insegnamenti esoterici ed alla terapia esoterica, svolge corsi di Meditazione e di Raja Yoga in Toscana e di alimentazione naturale, nel territorio nazionale.
Nel 2010 fonda la ditta “SETTERISHI -rimedi per l’anima”, di cosmesi naturale e vibrazionale, iniziando lo studio sull’uso terapeutico di piante e fiori, dalla cucina alla cosmesi. Attualmente sta organizzando corsi ed incontri su questi temi, perché non può esistere guarigione e sviluppo di coscienza se non teniamo puliti i nostri corpi, a partire dal fisico.

Tags: , , , ,