Alberi Sacri – Il fico – seconda parte

Vediamo oggi altri aspetti più profondi di quest’albero sacro che è il fico, la sua potenza, la sua forza nascosta.

Da un punto di vista energetico lavora sui primi chakra, dona forza ed energia ai reni mentre nutre la sessualità, sia maschile che femminile. La sua stessa forma secondo me fa pensare all’uomo ed alla donna, sia esternamente che internamente, in cui sembra tangibile la vivacità e carica sessuale. I suoi semi interni somigliano tantissimo ai villi intestinali che, se forti e sani, producono un sangue altrettanto carico di Ki e pertanto sano. Tutte le malattie originano da piani spirituali ma fisicamente parlando, anche da un’intestino indebolito e scarico di ki o Qi, L’energia Vitale.

Il fico sostiene i reni in senso fisico e non solo. Energia di radicamento, la stessa forma dell’albero da’ quest’idea di forza ancestrale e stabile, molto stabile, quasi grezzo, ma guardandolo bene esprime possanza e radianza che conduce agli albori dell’umanità. Io lo adoro e mi fa sempre venire in mente gli antenati; così tanto che me ne è arrivato uno in giardino da solo, l’ho visto che era già piantina e me lo tengo stretto, accogliendolo con gioia.

La sua potenza dai reni sale con forza ai polmoni che pure energizza, polverizzando ogni residuo di languore, tristezza e quel mortifero piangersi addosso che ben conosco, per non aver forza e coraggio di prender la vita per il timone e guardarla dritta negli occhi, chiedendole “Ma tu mi ami?”. Così disse un giorno Yogananda al suo Maestro. Certo ai reni infonde coraggio, collegandoli con forza alla Radice Madre presente in ogni elemento, sia acqua, che terra, fuoco o aria. Secondo me è un albero che racchiude in sé l’essenza femminile e maschile, pertanto esotericamente lavora sulla relazione, in tutti i sensi ed a tutti i livelli. Fisicamente la troviamo dai reni ai polmoni, partendo da ovaie e spermatozoi, attraversa milza e pancreas, ove apporta dolcezza e digeribilità (cura anche ansia, ulcera e gastrite), veicolato dalla centralità del cuore, arriva fino a polmoni, occhi e mente. Tra le sue facoltà c’è anche quella di potenziare l’intelligenza, ecco perché gli antichi lo citavano come albero della fecondità e della conoscenza.

Ed ecco allora che, in barba a sensi di colpa per i peccati commessi, Adamo ed Eva ben volentieri si vestirono di foglia di fico, consapevoli e desiderosi di intraprendere la via dell’esperienza e della conoscenza, dall’energia sessuale fisica, l’amore che nasce dall’incontro di polarità opposte, al matrimonio celeste, passando dalla purificazione mai sterile, sempre feconda di vita nuova. Che il fico compaia nel Giardino dell’Eden non ci stupisce più di tanto dopo quanto detto in precedenza, considerato nelle varie tradizioni dall’India fino al Mediterraneo come simbolo della Conoscenza salvifica, strumento d’iniziazione nei misteri e simbolo di resurrezione dalla morte.

Mi piace tanto quando la Verità trionfa sulle fandonie di un certo tipo di religiosità asservitrice e punitiva. Io amo l’amore, e voi?

Elvira Angelucci

Ha lunga esperienza nell’ambito dell’insegnamento.
Gli anni tra il 1988 ed il 1996 sono decisivi per la sua formazione ed evoluzione interiore.
Lascia la scuola per dedicarsi allo studio ed alla pratica dello yoga.
Frequenta a Firenze il corso di formazione professionale di Psicosintesi presso l’”Istituto Assaggioli” e, negli stessi anni si diploma, sempre a Firenze, al “Kushi Institute”, in medicina ed alimentazione naturale.
L’interesse per lo yoga e la guarigione spirituale la porta ad incontrare insegnanti di valore e Maestri di Saggezza, tra cui Ron Yung e Daskalos, con cui studia e approfondisce la pratica dell’introspezione e della meditazione.
Diviene allieva di Massimo Rodolfi, e con lui approfondisce lo studio del RAJA YOGA.
Si diploma presso ENERGHEIA, 1° scuola italiana di formazione per terapeuti esoterici. Da lì inizia un percorso di auto- guarigione che si rinnova ogni giorno e da cui attinge forza e luce necessarie per oltrepassare lutti e difficoltà! Abilitata alla diffusione degli insegnamenti esoterici ed alla terapia esoterica, svolge corsi di Meditazione e di Raja Yoga in Toscana e di alimentazione naturale, nel territorio nazionale.
Nel 2010 fonda la ditta “SETTERISHI -rimedi per l’anima”, di cosmesi naturale e vibrazionale, iniziando lo studio sull’uso terapeutico di piante e fiori, dalla cucina alla cosmesi. Attualmente sta organizzando corsi ed incontri su questi temi, perché non può esistere guarigione e sviluppo di coscienza se non teniamo puliti i nostri corpi, a partire dal fisico.

Tags: , , , ,